27 settembre 2020 – Appello angoscioso di Gesù Sacramentato ai Pastori della sua Chiesa. Messaggio a Enoch.

Page Visited: 129
Read Time:3 Minute, 39 Second

27 settembre 2020 – Appello angoscioso di Gesù Sacramentato ai Pastori della sua Chiesa. Messaggio a Enoch.

Pastori infedeli, perché continuate a distribuirmi indegnamente al mio Popolo

“Pastori del mio Gregge, la mia Pace sia con voi.

Figli prediletti, mi sento molto triste e angosciato per il disprezzo e l’ingratitudine che ricevo da molti di voi, che affermano di essere miei familiari. Quanto mi addolora vedere il mio gregge disperso come pecore senza pastore a causa della negligenza e dell’apatia di molti di voi, che si preoccupano di pascere più sé stessi ché di guidare e pascere il mio gregge! Il pretesto della pandemia, che è già un attacco diretto alla mia Chiesa, sta portando molti dei miei pastori a profanarmi, col darmi al mio Gregge nella mano come se fossi un normale pezzo di pane. I miei occhi versano lacrime di sangue, nel vedere come vengo oltraggiato e calpestato in ogni particola della mia Divinità che cade a terra, per il vile sacrilegio che viene commesso in molte delle mie Case da parte dei miei pastori al dare Me nella mano. Milioni di frammenti della mia Sacra Ostia cadono ogni giorno a terra quando vengo ricevuto nella mano dai miei figli.

Che grande sacrilegio si sta compiendo contro la mia Divinità, con il pretesto di una pandemia che è già più un complotto e un attacco al mio Santo Sacrificio! Molti dei miei pastori stanno dimenticando che in ogni Ostia Consacrata ci sono Io, Vivo e Reale, facendomi Vita in mezzo al mio Popolo e donandomi come Agnello Immolato. Pastori infedeli! Perché mi flagellate, dandomi così indegnamente al mio Gregge? Non sapete sono Io, in Spirito (Colui) che si trova nella semplicità e nell’umiltà di ogni Ostia Consacrata? Ieri i Sommi Sacerdoti e gli Scribi furono quelli che mi condannarono a morte, e oggi siete voi, Capi Pastori e Pastori del mio Gregge, quelli che ancora una volta mi crocifiggono quando distribuite così indegnamente al mio Gregge, col darMi nella mano (Comunione nella mano).

Ho unto il vostro Ministero Sacerdotale con il fuoco del mio Santo Spirito, affinché possiate essere i miei rappresentanti qui in terra. In ogni Consacrazione che fate con dignità e con fervore, Io, Gesù Sacramentato, scendo dal Cielo per farmi Vita in mezzo a voi; Il Ministero Sacerdotale che vi ho affidato è così Grande che attraverso le vostre mani unte scendo nello Spirito per donarmi in cibo al mio popolo. In ogni Consacrazione che fate per Amore, fate rivivere il Mio Sacrificio incruentemente e Io, mi dono come Pane di Vita, per nutrire il mio Gregge. Allora vi chiedo Pastori del mio Gregge: merito da voi un così vile abuso della mia Divinità, quando mi date al mio Popolo non come Gesù Sacramentato, ma come un qualunque pezzo di pane? Sono Io, il vostro Dio, che distribuite al mio popolo, e merito Adorazione, Lode e Rispetto da parte vostra e dal mio gregge. Il Mio Sacro Corpo e Sangue, dovete distribuirlo al mio Gregge (che lo riceva) in ginocchio e in bocca, con il dovuto Rispetto e Adorazione che merita il Re dei re e Signore dei signori.

Pastori infedeli, se non cambiate atteggiamento e non correggete il vostro comportamento nei miei riguardi, vi assicuro che sarete trattati come Rei di Colpa, quando domani apparirete davanti a Me! Migliaia di Sacerdoti, Vescovi, Cardinali e persino Papi, oggi alcuni giacciono, nelle profondità dell’abisso e altri, nel fuoco purificatore del Terzo Purgatorio, per avermi trattato indegnamente con l’avermi dato nella mano quando esercitavano il loro ministero sacerdotale in questo mondo. Altre migliaia si sono perduti perché si sono lasciati sedurre dai piaceri di questo mondo e hanno trascurato di pascolare il mio gregge, e un’immensa maggioranza si è perduta e giace oggi nell’inferno per i peccati della carne.

Riflettete Pastori del mio Gregge, perché nel continuare a distribuirmi indegnamente al mio Popolo, il mio Spirito Santo si allontanerà dalle vostre Consacrazioni; allora, il pane che distribuirete non sarà più il mio Corpo e il mio Sangue; ricordate il modo con cui mi trattate, così sarete trattati anche voi quando vi presenterete davanti a Me.

La Pace vi lascio, la mia Pace vi do. Pentitevi e convertitevi, perché il Regno di Dio è vicino.

Il vostro Maestro, Gesù Sacramentato, l’Amato che non è Amato.

Fate conoscere i miei messaggi di salvezza a tutta l’umanità, Sito Web : mensajesdelbuenpastor

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %
MESSAGGIO DI NOSTRO SIGNORE GESÙ CRISTO ALLA SUA AMATA FIGLIA LUZ DE MARIA 12 APRILE 2022 Amato Popolo Mio: VOI SIETE MIEI FIGLI E PER CIASCUNO DI VOI MI SONO SACRIFICATO SULLA MIA CROCE, SULLA QUALE HO SANCITO IL MIO AMORE PER LA SALVEZZA DELL’UMANITÀ. Io desidero che tutti si salvino (1 Tim 2,4), che tutti si convertano e che si alimentino del Banchetto alla Mia Tavola. Ancora una volta vengo, come Mendicante d’Amore, a bussare alla porta del cuore e della coscienza di ciascuno di voi. Desidero che Mi apriate la porta, ma so che non tutti lo faranno, quindi vi do la Mia Benedizione in anticipo e spero, con il Cuore in Mano, che ritorniate a Me e che smettiate di vivere delle cose mondane. Quanti dei Miei figli Mi dicono che non sono del mondo, ma vivono degli insegnamenti mondani, amano la comodità e sono incapaci di vincere una voglia! Trovo molti dei Miei figli che Mi dicono: “Signore, Tu sai che io non sono mondano”, però vivono del mondo, delle apparenze, dell’essere bene accolti in ogni cerchia sociale, vivono di superbia e disprezzano quelli che non sono uguali a loro. Queste attitudini vi fanno essere del mondo, vi fanno vivere del “cosa diranno e come mi guarderanno”. Dovete cambiate, ADESSO! Perché il mondo e la carne non vi porteranno nessun beneficio. LA FEDE NELLA MIA PAROLA È VENUTA TALMENTE MENO, che alcuninon la nominano per non compromettersi. RITENGONO CHE LA SACRA SCRITTURA SIA UNO DEI TANTI LIBRI PASSATI DI MODA e pertanto credono che debba essere riformato. GUAI A COLUI O A COLORO CHE DISTORCERANNO LA SACRA SCRITTURA, MEGLIO SAREBBE STATO SE NON FOSSERO MAI NATI! I Comandamenti sono Dieci (Es 20,1-17) e non li potete alterare, né ignorare. Questa È La Legge e non esiste legge al di sopra di essa, non la potete alterare, né cancellare, né cambiare. QUANTO MI AVETE DIMENTICATO!! I Comandamenti non sono soggetti a ideologie, né agli esseri umani, né alle circostanze: SONO DIECI E SONO SCRITTI. SIA ANATEMA COLUI CHE LI TRASFORMI. La progressione in atto, sta portando al rifiuto di obbedire alla Mia Parola da parte di alcuni dei Miei Consacrati e sta avvicinando la Mia Chiesa allo Scisma. Amato Popolo Mio, Preparatevi! Ce ne sono molti di quelli che si definiscono figli Miei e sono contro di Me… Ce ne sono molti che intendono omettere la Mia Parola, i Comandamenti e i Sacramenti, per portare alla luce una nuova religione, che comporterà una totale sfrenatezza e la rinuncia a Me e a Mia Madre… Il Credo verrà negato e il Padre Nostro sarà trasformato. ATTENTO POPOLO MIO, QUESTO NON È DA ME! Vogliono ingannarvi e avvicinarvi al male, all’anticristo, a poco a poco, cosicché i Miei figli non se ne accorgano. Popolo Mio, la ribellione sta avanzando. La guerra continuerà a conquistare territori e nuove nazioni si vedranno coinvolte. La violenza si diffonderà. Pregate Popolo Mio, pregate per l’Argentina, il popolo si ribellerà e nell’agitazione provocheranno la morte e la vittima sarà una persona di potere. L’Argentina deve pregare. Pregate Popolo Mio, pregate, la carestia aumenterà, la pestilenza avanzerà uscendo da mani segnate dalla sofferenza dei propri fratelli, il confinamento verrà nuovamente implementato. Pregate Popolo Mio, pregate, l’America tremerà, poi sarà terra di coloro che fuggiranno dall’Europa. Pregate Popolo Mio, pregate la Mia Madre Santissima, rifugio dei peccatori. Mia Madre vi manterrà nel silenzio interiore. Pregate Popolo Mio, qualsiasi cosa succeda, mantenete la Fede. Pregate con il cuore e sarete ascoltati. Siate misericordiosi, mantenete la fiducia nella Protezione Divina e nella custodia del Mio amato San Michele Arcangelo e nelle Sue Legioni. Venite a Me senza paura, con Fede, con Speranza e con Carità. Non disperate, Io rimango con il Mio Popolo e non lo lascerò solo. Ricevete la Mia Benedizione. Il vostro Gesù AVE MARIA PURISSIMA, CONCEPITA SENZA PECCATO AVE MARIA PURISSIMA, CONCEPITA SENZA PECCATO AVE MARIA PURISSIMA, CONCEPITA SENZA PECCATO COMMENTO DI LUZ DE MARIA Fratelli nella Fede: Ho visto il nostro amatissimo Signore Gesù Cristo esprimere una tristezza estrema… Nel corso di questo Appello Divino mi ha permesso di vedere come l’umanità di quasi tutta la terra, sarà preda della fame e del giogo oppressivo di quello che chiamano "un solo ordine per tutti”. Ho visto che con la carestia avanzava anche la disperazione degli uomini, a causa della penuria non solo alimentare, ma di medicine e di cure ospedaliere. In mezzo a tante sofferenze umane, mi è stato mostrato come la guerra progredirà senza pietà, come due paesi nel nord America venivano attaccati e come il caos si impadroniva dell'Europa. Mi è stato mostrato come, in Argentina, la mitezza di questo popolo si trasformerà in impazienza e in aggressione. Mi è stato permesso di vedere l'Amore della nostra Madre Santissima, che non si allontanerà dai Suoi figli. Chi accoglie il Suo Amore Materno non sarà mai abbandonato da questa Madre, che abbiamo ricevuto ai piedi della Croce di gloria e maestà. Desidero sottolineare una parola molto forte che Nostro Signore Gesù Cristo Ha usato in questo Appello e che tutti noi la prendiamo in considerazione. La parola è "anatema" e si riferisce a una persona che disprezza Dio, che non Lo ama e annuncia il contrario di ciò che Nostro Signore Gesù Cristo Ha insegnato attraverso la Sua Divina Parola e pertanto rimane lontana da Dio. Questo punto è da prendere in considerazione e molto seriamente, per cui vi invito anche a meditare le seguenti citazioni della Sacra Scrittura: Ro. 9:3; 1 Co. 12:3; 16:22 e Gal. 1:8, 9. Un'umanità lontana da Dio attira su di sé, come una calamita, grandissimi dolori e attraverserà un vero crogiolo. Amen.