La veggente Maria Esperanza

[full_width]

La veggente Maria Esperanza invita a pregare e avverte che gli Stati Uniti corrono ancora seri rischi

Maria Esperanza de Bianchini, la celebre mistica venezuelana, giovedì ha dichiarato che il mondo sta attraversando un periodo di “sconvolgimenti” e che gli Stati Uniti restano notevolmente vulnerabili al terrorismo nonostante un periodo relativamente tranquillo dopo l’11 settembre. “Il rischio è ancora presente” – dice la mistica. “Dovete stare sempre all’erta perché potrebbero esserci delle sorprese. In questo momento gli Stati Uniti devono stare molto attenti”.

La sua preoccupazione non è diminuita dallo scorso autunno, anche se nutre la speranza che alcuni avvenimenti possano essere evitati. “C’è un gruppo di persone che sta cercando di mostrare al mondo che le cose sono sotto controllo, ma se non ci uniamo in preghiera le cose peggioreranno” ha detto a Spirit Daily per mezzo di un interprete.

“La gente deve essere unita perché questi sono tempi molto difficili. Stiamo vivendo in un periodo molto difficile. L’umanità sta procedendo troppo velocemente e non si ferma a meditare. Ci sono quelli che prendono le decisioni senza meditare veramente, a modo loro. Non aspettano Dio. Cercano le loro verità. C’è un gruppo che non mi piace. C’è un gruppo che vuole destabilizzare gli Stati Uniti e distruggere la loro unità, ma la misericordia di Dio è più grande di tutto e lo Spirito Santo sta dispensando le Sue grazie. Lo Spirito Santo sta riversando abbondantemente le Sue grazie”.

Quando le è stato chiesto se il gruppo o i gruppi fossero di tipo politico, Maria Esperanza – considerata da molti come la più grande mistica dopo Padre Pio (che lei per altro ebbe modo di conoscere personalmente) – non è voluta entrare in dettagli ma ha posto l’accento su ciò che dovrebbe essere fatto per evitare quelli che lei vede come una serie di sconvolgimenti.

E’ un linguaggio che colpisce, considerando che proviene dalla stessa mistica che nel 1992 ebbe la visione di “due enormi torri circondate da un fumo nero”, e che più recentemente – lo scorso inverno e poi ancora a marzo e ad agosto – ammonì che stava per accadere qualcosa di “importante” che riguardava interessi stranieri sul territorio americano.

La profezia fu così precisa che lei chiese anche quella volta preghiere urgenti, dicendo che l’evento non sarebbe accaduto immediatamente ma “fra un po’ di tempo”, e ciò si concilia bene con il lasso di tempo intercorso fino al settembre successivo. Predisse che la provocazione sarebbe stata grave e sarebbe venuta sia dall’esterno che dall’interno degli Stati Uniti. Avvertì che almeno due potenze straniere – una grande e una piccola – stavano lavorando assieme per “provocare” l’America.

In quel periodo Maria Esperanza aveva anche consigliato prudenza. Nel marzo scorso aveva precisato che un rombo di un qualche tipo si sarebbe verificato nell’area di New York-New Jersey e il 25 agosto disse che un “grande evento” doveva accadere entro “tre settimane o tre mesi” che avrebbe “scosso il mondo” – e finì per essere presente personalmente nell’area di New York la terza settimana dopo questa profezia, durante l’11 settembre.

Da un anno Maria Esperanza indica che il mondo nei prossimi anni entrerà in una “nuova fase”. Aveva detto alla sua famiglia che gli avvenimenti in Israele e gli sconvolgimenti naturali (come le eruzioni in luoghi come le Filippine) erano “segni specifici” che mostrano che gli eventi si stanno intensificando e che nei prossimi anni precipiteranno in un grande avvenimento di un qualche tipo.

La mistica, che ha avuto visioni di Gesù e della Vergine Maria e che è collegata con Betania (un sito di apparizioni vicino a Caracas che hanno ricevuto una rara approvazione della Chiesa, e dal 1987 un pieno riconoscimento ecclesiastico), ha anche espresso una grande preoccupazione per il Papa (la sua famiglia sostiene che avrebbe assunto su di sé alcune delle sue sofferenze sviluppando persino una sindrome straordinariamente simile al Parkinson). Spesso è estremamente debole, ha grandi difficoltà nel camminare e sta affrontando quello che lei stessa descrive come uno dei momenti più difficili che abbia mai vissuto (e per questo vi invitiamo a pregare per lei), ma lei considera tutto questo come “un’altra prova della vita, niente di più di questo”. Attualmente è in cura presso un neurologo, ma fino ad ora senza grossi miglioramenti in quella che è stata una lunga sofferenza.

“La preghiera è la cosa fondamentale per aiutare l’umanità” – dice Maria Esperanza mettendone in risalto l’urgenza. “Dobbiamo fare attenzione a salvare le nostre anime e meritare ciò che Dio ha stabilito per noi. Lascio queste cose nelle Mani di Dio. Lui solo lo sa. Lui sa bene cosa sta facendo. So che la mia condizione è delicata ma farò del mio meglio fino all’ultimo. Questo è ciò che Dio vuole che facciamo”.

In passato Maria Esperanza aveva precisato che la Messa e la recita quotidiana delle 15 decine del Rosario sono fondamentali. Aveva ammonito, e continua a farlo tuttora, che l’aborto, la manipolazione genetica e il materialismo condurranno a disastri naturali e alla guerra. E’ preoccupata per il fatto che gli uomini a causa del loro “ego” hanno una visione offuscata degli eventi quando invece “la sola via per vedere la verità è attraverso l’umiltà. Dobbiamo essere molto umili, perché l’orgoglio è ciò che sta distruggendo il mondo, così come il materialismo. Dobbiamo essere umili e generosi”.

Senza dubbio è un tempo di tenebre. E’ un tempo di sconvolgimenti. E’ un tempo durante il quale il maligno sta causando difficoltà non solo nello scenario mondiale ma anche in seno alle comunità e alle famiglie. E’ il tempo in cui il maligno sussurra l’inganno nelle nostre orecchie e distorce la verità, mettendo fratelli contro sorelle e causando ogni sorta di sofferenze personali.

Anche se Maria Esperanza ha accennato a una grazia speciale per l’anno 2004, in una prospettiva a più lungo termine non dà alcuna indicazione temporale. Dice che dopo la tribolazione ci sarà un rinnovamento e che quando verrà – qualsiasi sia il momento – il rinnovamento sarà fisico e spirituale. Ci sarà un tempo nuovo. Vede che gli eventi portano ad una “luce” e che aprono la strada a ciò che lei descrive misteriosamente come “una nuova alba di Gesù”.

Dall’articolo di Michael H. Brown “Seer Maria Esperanza urges prayer and warns that U.S. still faces great risk”, da Spirit Daily

Dall’archivio di “Profezie per il Terzo Millennio” consulta anche altri articoli di Michael H. Brown con interviste a Maria Esperanza de Bianchini:
Le interviste di Michael H. Brown alla mistica Maria Esperanza de Bianchini

Traduzione e adattamento a cura di “Profezie per il Terzo Millennio” – Gennaio 2002
Condizioni del copyright sui contenuti di questa pagina

[/full_width]

Close