In questo 22° anniversario delle prime lacrime che la nostra Madre Benedetta versò a Naju, più di 5000 pellegrini, coreani e stranieri, si erano riuniti sulla montagna della Vergine di Naju. Mentre pregavano insieme, molte grazie e molto amore discesero su di loro con sorprendente abbondanza. Nella cappella in vinile piena di profumo di rose, di gigli, di vino, di foglie di pino, di canditi, ma anche odori di cresolo e di alcool, di fetore di cose sporche che bruciano nelle anime e di erbe medicinali bollenti, io ho pregato molto dal profondo del mio essere recitando il rosario e soffrendo.

QUESTI MESSAGGI SONO IN FASE DI STUDIO E VALUTAZIONE LA PUBBLICAZIONE NON NE ATTESTA IN ALCUN MODO L’AUTENTICITA E ASPETTA ALLA SANTA CHIESA CATTOLICA CHE IO COME CATTOLICO RISPETTERO QUALUNQUE NE SIA IL GIUDIZIO E’ IN QUALSIASI MOMENTO TOGLIERO’ DAL SITO .

————————————————————————————————————


NAJU – MESSAGGIO DI NOSTRA SIGNORA DI NAJU A JULIA KIM


LA CORRUZIONE NELLA CHIESA 30 GIUGNO 2007

(22° ANNIVERSARIO DELLA PRIMA LACRIMAZIONE)


In questo 22° anniversario delle prime lacrime che la nostra Madre Benedetta versò a Naju, più di 5000 pellegrini, coreani e stranieri, si erano riuniti sulla montagna della Vergine di Naju. Mentre pregavano insieme, molte grazie e molto amore discesero su di loro con sorprendente abbondanza. Nella cappella in vinile piena di profumo di rose, di gigli, di vino, di foglie di pino, di canditi, ma anche odori di cresolo e di alcool, di fetore di cose sporche che bruciano nelle anime e di erbe medicinali bollenti, io ho pregato molto dal profondo del mio essere recitando il rosario e soffrendo.
“Mia cara Mamma, ti offro generosamente tutto quello che soffro, non solo per espiare i miei peccati e quelli dei pellegrini che sono venuti qui per incontrarti e pregarti, ma anche per espiare i peccati del clero, dei religiosi e dei tuoi numerosi figli nel mondo, e per chiederti che tutti possano ricevere la grazia del pentimento. In special modo, ti offro le mie pene per il benessere spirituale e fisico del Santo Padre, Capo della Santa Chiesa, e per i prelati. Se, mio malgrado, io piango, sospiro e gemo, ti prego di accettare tutto questo come preghiera di richiesta per ottenere che la Vergine di Naju sia riconosciuta al più presto, affinché le pecore erranti che hanno perso la buona direzione, possano ritrovare la dritta via e cantare la gloria del Signore e l’Alleluia”.
In quel momento sentii la voce amorevole e dolce della Vergine e guardai nella sua direzione. Lei piangeva e parlò attraverso la sua statua posta sull’altare della cappella in vinile.

La Vergine:

“Mia cara figlia,tù soffri così tanto per la conversione dei peccatori! Poiché il mondo ha offeso la Dignità e la Santità di Dio,e poiché i suoi peccati hanno raggiunto il punto di saturazione,Dio nella sua giusta collera,deve castigarlo .Ma il mio Cuore è confortato dà te,piccola anima che,vicino a Me,offri generosamente la tua vita,i tuoi sospiri,le tue lacrime,le tue sofferenze,trasformando tutto in preghiera.Tu sopporti come una doppia morte dell’anima e del corpo, per il pentimento e la salvezza di tutti i figli di questo mondo.
Prega molto per il Papa. Affinché la Chiesa, estremamente corrotta, possa essere raddrizzata dal Papa, che è per Me un figlio molto caro, figlio primogenito della Chiesa che amo tanto, lo l’ho protetto sotto il Mio manto per difenderlo dai pericoli e illuminarlo. In questi tempi estremamente pericolosi, egli ha riconosciuto la Mia voce, ha pregato e lavorato giorno e notte per difendere il Vangelo di Mio Figlio Gesù e la vera dottrina cattolica della Chiesa, trasmessa dagli Apostoli, che è stata severamente deformata da coloro che sono corrotti dagli errori. Tuttavia, il lavoro dei massoni, che sono penetrati profondamente fino al cuore della Chiesa, è stato così accanito che il Papa conduce un duro e solitario combattimento, difficile e pericoloso con pochissimo aiuto. Allora, offri le tue sofferenze spirituali e fisiche per il Santo Padre, ciò che consolerà Dio stesso.
Mio carissimo Papa, figlio primogenito della Chiesa! Poiché la Chiesa, minacciata di eresia e infestata di errori, ha raggiunto il punto estremo dove rischia di scomparire, bisogna che i messaggi d’Amore del Figlio Mio Gesù e Miei che hanno detto e ridetto le stesse parole, come pure i Segni eccezionali dati con il più puro e sublime Amore, siano riconosciuti e approvati immediatamente. Io vi chiedo dunque in questo momento, di affrettarvi a fare tutto il possibile affinché la Chiesa sia purificata e trasformata senza indugio. Il clero e i religiosi potranno essere spiritualmente santificati, e anche i peccatori, che avanzano verso l’Inferno, potranno pentirsi ed essere salvati.
Oh voi tutti, miei cari figli nel mondo! lo sarò sempre con voi che venite qui a cercarMi e a pregare da poveri pec¬catori come Maria Maddalena. Se voi lavorate per Mio Figlio Gesù e per Me, uniti gli uni gli altri nell’Amore, lo vi guarderò e vi proteggerò, anche nelle situazioni più pericolose condurrò in Cielo al vostro al vostro ultimo giorno.
Dunque, non ragionate così, in umano, ma spalancate le porte del vostro cuore. Accettate ciò che si presenta dicendo Amen, come dei babmini, e fate grandi sforzi per diventare umili, piccole anime. Su voi tutti che venite qui ( consolarMi in questo anniversario delle Mie lacrime, lo faccio discendere oggi una infinita benedizione e nella trascendenza dell’Amore Figlio Gesù e Mio, faccio scendere il Prezioso Sangue e i torrenti dell’ acqua della Misericordia, per lavare perfettamente le macchie dei peccati che hanno infangato le vostre anime, Così voi rinascerete nuovamente nell’Amore” .

Ottobre 2007 sito web http://www.edizionisegno.it

Close